top of page
Cerca

Trekking: Valle delle Ferriere

Aggiornamento: 30 mar 2022

Cenni storici Conosciuta per la presenza dei ruderi delle antiche ferriere, che rifornivano di ferro, in particolare per la produzione di chiodi per le imbarcazioni della Repubblica Amalfitana.

L’energia veniva fornita dall’acqua e il calore necessario alla fusione era ottenuto bruciando legna, disponibile in abbondanza.

Oggi È una Riserva Naturale dal 1972; si divide in 2 lati:

  • alto, il percorso che parte dal torrente al monte,

  • basso, dove sono presenti i ruderi dei mulini.

Qui è possibile svolgere attività di trekking ed immergere, letteralmente, corpo ed anima nella natura. Si sviluppa tra boschi, ruscelli e cascate oltre che le rapide del Rio Canneto.

I punti di partenza per gli appassionati di trekking sono 3:

  • da Amalfi (Piazza Flavio Gioia) – Sentiero CAI 325 (CAI 325)

  • da Pontone (Piazza San Giovanni) – Sentiero CAI 323 A (CAI323 A)

  • da San Lazzaro di Agerola (Via Santa Lucia) – Sentiero CAI 301 (CAI 301)

Immersi nella natura, potrete ammirare la salamandra dagli occhiali (Salamandra occhiali) e piccole piante carnivore (Pinguicula hirtiflora).

Caratteristiche percorso:

  • Difficoltà: E

  • Dislivello: circa 500m in discesa e 250mt in salita

  • Tempi di percorrenza: 3-4 ore

  • Attrezzatura richiesta: scarpe da montagna, berretto, zainetto, acqua, una giacca o una felpa.


15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page